News dagli infermieri

Chiamato così per la sua posizione, il Pavimento Pelvico è la struttura che chiude la parte inferiore del nostro bacino. E’ composta da legamenti, fasce e muscoli, che insieme collaborano alle sue funzioni: sostegno, continenza, capacità di contrarsi e rilassarsi.

Ha la forma di un’amaca, al di sopra della quale si trovano i visceri pelvici. La forma e la posizione, lo rendono soggetto alle pressioni che vengono generate all’interno dell’addome quando questo si contrae.

I DISTURBI DEL PAVIMENTO PELVICO

  • incontinenza urinaria o fecale;
  • Prolasso (del retto, utero o vescica);
  • Dolore mestruale;
  • Stitichezza, stipsi;
  • Rapporti sessuali dolorosi;
  • Eiaculazione precoce;
  • Disfunzione erettile;
  • Problematiche dolorose a carico del bacino e zona lombare;
  • Gravidanza;
  • Preparazione al parto o fase post-parto;
  • Menopausa;
  • Prima e dopo interventi chirurgici alla vescica, prostata, uretra e utero.

    Le fasi DI INTERVENTO RIABILITATIVO sono tre:

    • Percezione e consapevolezza del funzionamento dei muscoli perineali;
    • Ripristino dei parametri muscolari alterati attraverso l’allenamento;
    • Recupero funzionale.

E CONSISTONO:

Esercizi terapeutici di contrazione, rilassamento e stretching dei muscoli perineali utili sia per favorire la presa di coscienza sia per rinforzarli;

Biofeedback (elettromiografico o pressorio) che utilizza una specifica apparecchiatura in grado di registrare l’attività muscolare (contrazione o rilassamento) altrimenti non percepita dal paziente. Il segnale viene trasformato in segnale visivo: in tal modo, il paziente impara a compiere adeguatamente contrazione e rilassamento dei muscoli perineali;

Elettrostimolazione funzionale indicata nei casi in cui i muscoli del pavimento pelvico non riescono a contrarsi volontariamente ed in modo corretto. I muscoli perineali vengono stimolati tramite utilizzo di corrente elettrica alternata bifasica con sonda vaginale o rettale e mediante elettrodi di superficie. Questa tecnica è controindicata ai pazienti portatori di pacemaker e in caso di gravidanza, epilessia, infezione delle vie urinarie e ginecologiche, ansia, patologie neurologiche, neoplasie nella cavità pelvica;

VANTAGGI

  • Efficacia documentata nell’80-95% dei casi;
  • Indolore;
  • Nessun effetto collaterale;
  • Personalizzazione della terapia in base alle esigenze della persona

RISULTATI

  • Maggior controllo muscolare quando si starnutisce o tossisce evitando fastidiose perdite;
  • Buona gestione della continenza urinaria e della stipsi;
  • Recupero del piacere sessuale
  • Maggiore consapevolezza dei muscoli coinvolti nel parto
  • Preparazione all’intervento con miglior esito post-chirurgico (vescica, prostata, uretra e utero).

 

, , , , , ,
Articolo precedente
COVID E CELIACHIA
Articolo successivo
COVID ED OPERATORI SANITARI

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu
April la chat
1
Hai bisogno di aiuto?
Ciao 👋,
come possiamo aiutarti?